Figli, discepoli e discoli in una giurisprudenza bacchettona?