La Corte di giustizia riconosce (definitivamente) che, per poter godere del diritto di circolazione e soggiorno, il familiare extracomunitario di un cittadino comunitario non deve avere previamente soggiornato legalmente in uno Stato membro