L'inaccettabile conferma di un orientamento giurisprudenziale da tempo superato