Giurisdizione, diritto ed inaccettabile “compensazione sociale”