Frazionamento della pretesa creditoria e inflessibilità della buona fede in executivis