Il caso ‘‘Alrosa’’ e la proporzionalità nelle decisioni con impegni