Sul ‘nuovo che avanza’ in antitrust: l’illiceità oggettiva dello scambio d’informazioni