Contratto collettivo e giusta retribuzione nella recente giurisprudenza di legittimità