La prova indiretta nel giudizio de libertate alla luce di una recente sentenza della Suprema Corte