Spazi “deserti” e vita sospesa ai tempi della pandemia. I droni e il ritorno alla Natura