Verso un’effettiva contendibilità in Umbria?