Sulla "fine della storia" della responsabilità da "facere" professionale