Polarità estreme: oblio e archivi digitali