La prima “procedura di infrazione” dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo