Il testo unico come riordino normativo