Il Tar Lazio annulla il provvedimento AGCM sul “caso Isontina” con una dura reprimenda in tema di delimitazione del mercato rilevante, concorrenza potenziale e ATI sovrabbondanti