“Variante” alla facciata dell’edificio: limiti ed inderogabilità del regolamento condominiale