Le sezioni unite e l’”oggettivizzazione” degli atti dell’esecuzione forzata