Lo «spamming», dalle reti telematiche alle aule dei tribunali