Giurisprudenza normativa e "diritto a non nascere se non sano". La Corte di Cassazione in vena di revirement?