Civilità tecnologica, mercato ed insicurezza: la responsabilità del diritto