Ammissibilità del trust «interno» e giustificazione causale dell’effetto traslativo