Danno «allo» scolaro e responsabilità «quasi oggettiva» della scuola