Una risposta ai nostri critici: guardare ai fatti e allungare la vista