Le modifiche al regime della c.d. “participation exemption” a seguito della L. n. 248/05: “coerenza” o “capriccio” del legislatore fiscale?