Il falso dilemma della diffamazione