Nagel, Rawls e i limiti della giustizia