Un banco di prova per il realismo morale: la distinzione tra mera continenza e virtù