Frammentazione e introversione: si può riformare la politica italiana?