Tradizionalmente l’assistenza ‘di lungo periodo’ (Long-Term Care, LTC) per le persone con patologie croniche, disabilità e fragilità è stata reattiva ed episodica, portando al ricorso evitabile dell’ospedale e delle strutture residenziali; con un supporto tecnologico adeguato, è possibile renderla sempre più ‘proattiva’ e coordinata, migliorando sia la qualità della vita dei soggetti interessati e dei loro familiari, sia la sostenibilità economica del sistema complessivo: una visione olistica sulla salute e il benessere del cittadino non può oggi prescindere da un utilizzo appropriato delle tecnologie. Con interventi assistenziali permanenti e continuativi spesso si riesce ad alleviare le conseguenze di una autonomia funzionale compromessa ed a tenere sotto controllo i problemi, anche se non è possibile risolverli; i modelli di assistenza rispondono sempre meglio ai bisogni dei cittadini e la tecnologia può avere una parte significativa per contribuire a offrire più servizi e a renderli più mirati ed efficaci. La frammentazione degli interventi degli operatori (sia sociali che sanitari) e la dispersione geografica degli attori sul territorio (cittadini e operatori) può essere ridimensionata con l’utilizzo dell’ICT (Information and Communication Technology) e di apparecchiature avanzate, a costi sempre più accessibili

Disabilità, non autosufficienza e tecnologie / ROSSI MORI, A.; Dandi, Roberto. - STAMPA. - (2011), pp. 169-179.

Disabilità, non autosufficienza e tecnologie

DANDI, ROBERTO
2011

Abstract

Tradizionalmente l’assistenza ‘di lungo periodo’ (Long-Term Care, LTC) per le persone con patologie croniche, disabilità e fragilità è stata reattiva ed episodica, portando al ricorso evitabile dell’ospedale e delle strutture residenziali; con un supporto tecnologico adeguato, è possibile renderla sempre più ‘proattiva’ e coordinata, migliorando sia la qualità della vita dei soggetti interessati e dei loro familiari, sia la sostenibilità economica del sistema complessivo: una visione olistica sulla salute e il benessere del cittadino non può oggi prescindere da un utilizzo appropriato delle tecnologie. Con interventi assistenziali permanenti e continuativi spesso si riesce ad alleviare le conseguenze di una autonomia funzionale compromessa ed a tenere sotto controllo i problemi, anche se non è possibile risolverli; i modelli di assistenza rispondono sempre meglio ai bisogni dei cittadini e la tecnologia può avere una parte significativa per contribuire a offrire più servizi e a renderli più mirati ed efficaci. La frammentazione degli interventi degli operatori (sia sociali che sanitari) e la dispersione geografica degli attori sul territorio (cittadini e operatori) può essere ridimensionata con l’utilizzo dell’ICT (Information and Communication Technology) e di apparecchiature avanzate, a costi sempre più accessibili
Long-term care; Technology policy; Assistive technology
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ministero Lavoro Secondo_Rapporto_11112011.pdf

Open Access

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: DRM non definito
Dimensione 4.18 MB
Formato Adobe PDF
4.18 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11385/63079
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact