Una figura anomala (e transitoria?) di investitore istituzionale: il Ministero del Tesoro