Il logos tra le carte del giurista