I contratti con i consumatori di alimenti tra interventi pubblici e autonomia negoziale