Individuati i fondamenti dello ius tacendi nella normativa internazionale pattizia e costituzionale intesa a salvaguardare i diritti umani, l’articolo affronta le implicazioni problematiche del principio, in relazione alla ritenuta “facoltà di mentire” ed alle questioni concernenti la valutabilità o non della condotta silente per finalità probatorie e/o sotto il profilo penal – sostanzialistico.

Giudizio direttissimo / Moscarini, Paolo. - 4:(2008), pp. 350-401.

Giudizio direttissimo

MOSCARINI, PAOLO
2008

Abstract

Individuati i fondamenti dello ius tacendi nella normativa internazionale pattizia e costituzionale intesa a salvaguardare i diritti umani, l’articolo affronta le implicazioni problematiche del principio, in relazione alla ritenuta “facoltà di mentire” ed alle questioni concernenti la valutabilità o non della condotta silente per finalità probatorie e/o sotto il profilo penal – sostanzialistico.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11385/4974
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact