Il "successo" del GEIE