Il "buon cittadino" e i suoi rappresentanti politici