L’improbabile passaggio dal principio del divieto a quello della liceità del ricorso alla forza