Fichte, Stirner e la volontà generale degli egoisti