La finanza pontificia e il banchiere «depositario» nel primo Quattrocento