L’occupazione acquisitiva dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo