La “nuova” storia politica e la Repubblica dei partiti