Microsoft, i giudici europei e l’antitrust di una volta