Sullo "stile" delle sentenze della S.C. in materia di arbitrato