Nell’era del digitale la nostra vita è ormai legata a doppio filo a smartphone e tablet che ci accompagnano in ogni nostro movimento. è proprio la natura itinerante di tali mezzi che li rende perfetti “contenitori” per accogliere i c.d. captatori informatici, ovvero i malware utilizzati a fini investigativi, per il perseguimento dei reati. In questo lavoro si approfondisce come la giurisprudenza e il legislatore abbiano cercato di regolare l’avvento di questi nuovi mezzi di ricerca della prova nel tentativo di trovare un bilanciamento tra il soddisfacimento dell’interesse pubblico nell’accertamento dei reati, previsto e tutelato dall’art. 112 Cost. relativo al principio dell’obbligatorietà dell’azione penale e l’art. 15 Cost., che sancisce il principio di inviolabilità della riservatezza e segretezza di qualsiasi forma di comunicazione. Al contempo, però, si vuole sottolineare come sia essenziale il contrasto al crimine informatico, attuato anche mediante l’utilizzo di tali strumenti e un adeguato sviluppo di risorse tecnologiche per la sicurezza informatica in grado di creare sistemi che siano “cyber resilienti”. In tal senso, si porta alla luce la duplice natura, benevola e malevola, dello stesso mezzo: il malware.

Profili di contrasto al cybercrime in iure condito e de iure condendo / Zilia Bonamini Pepoli, Vittoria Sveva. - In: RIVISTA ITALIANA DI INFORMATICA E DIRITTO. - ISSN 2704-7318. - 2(2022), pp. 1-13. [10.32091/RIID0087]

Profili di contrasto al cybercrime in iure condito e de iure condendo

Vittoria Sveva Zilia Bonamini Pepoli
2022

Abstract

Nell’era del digitale la nostra vita è ormai legata a doppio filo a smartphone e tablet che ci accompagnano in ogni nostro movimento. è proprio la natura itinerante di tali mezzi che li rende perfetti “contenitori” per accogliere i c.d. captatori informatici, ovvero i malware utilizzati a fini investigativi, per il perseguimento dei reati. In questo lavoro si approfondisce come la giurisprudenza e il legislatore abbiano cercato di regolare l’avvento di questi nuovi mezzi di ricerca della prova nel tentativo di trovare un bilanciamento tra il soddisfacimento dell’interesse pubblico nell’accertamento dei reati, previsto e tutelato dall’art. 112 Cost. relativo al principio dell’obbligatorietà dell’azione penale e l’art. 15 Cost., che sancisce il principio di inviolabilità della riservatezza e segretezza di qualsiasi forma di comunicazione. Al contempo, però, si vuole sottolineare come sia essenziale il contrasto al crimine informatico, attuato anche mediante l’utilizzo di tali strumenti e un adeguato sviluppo di risorse tecnologiche per la sicurezza informatica in grado di creare sistemi che siano “cyber resilienti”. In tal senso, si porta alla luce la duplice natura, benevola e malevola, dello stesso mezzo: il malware.
Malware, Cybersecurity, Cybercrime, Diritto alla riservatezza, Captatore informatico
Profili di contrasto al cybercrime in iure condito e de iure condendo / Zilia Bonamini Pepoli, Vittoria Sveva. - In: RIVISTA ITALIANA DI INFORMATICA E DIRITTO. - ISSN 2704-7318. - 2(2022), pp. 1-13. [10.32091/RIID0087]
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Profili di contrasto al cybercrime in iure condito e de iure condendo.pdf

Open Access

Descrizione: Articolo
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Tutti i diritti riservati
Dimensione 706.73 kB
Formato Adobe PDF
706.73 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11385/222998
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact