Il secondo motore del cambiamento: i flussi di voto