Starting from the analysis of the principle governing the freedom to transfer limited companies’ business shares, the following paper deals with the specific regulation of the mortis causa (“because of death”) transferal with regard to limited liability companies’ shares, thus highlighting which limits might be potentially allowed in relation to the testator’s freedom, as to grant the stability of the business enterprise. Indeed, the study is aimed at developing a clear legal framework in which the statutory autonomy of limited liability companies is allowed to introduce edges to the principles of inheritance law, through the identification of which are the conditions enabling the potential acknowledgement of the inheritance claims. In other words, it is necessary to consider the crucial balance between the heirs’ prerogatives and the going concern needs of the business enterprise, which might be jeopardized by the entry of (one or more) new subjects into the company. Within the analysis of the various opinions shared by scholars and case-law, the following paper identifies an optimal solution in the provision of a share value’s liquidation right, in order to avoid the violation of the agreements as to future succession (patti successori), so that the testator’s freedom is not limited with regard to the possibility to appoint his/her heirs, although edges exist as to grant the productive needs and stability of the company.

Muovendo dall’analisi del principio di libera trasmissibilità delle partecipazioni di società di capitali, il presente elaborato affronta il tema del trasferimento mortis causa delle quote di s.r.l., ponendo in evidenza quali siano le limitazioni eventualmente ammissibili in chiave di tutela della stabilità della compagine sociale. Difatti, lo studio si pone l’obiettivo di delineare un quadro giuridico preciso, entro il quale l’autonomia statutaria della s.r.l. possa prevedere limiti ai diritti successori degli aventi causa del de cuius, identificando, dunque, le condizioni alle quali il nostro ordinamento ritiene ammissibile l’eventuale tacitazione delle pretese ereditarie. In altri termini, si ritiene opportuno esaminare il cruciale bilanciamento tra le prerogative successorie degli eredi del socio defunto e le esigenze di continuità dell’esercizio dell’impresa collettiva, la quale ultima è suscettibile di subire un pregiudizio a seguito del subingresso in società di (uno o più) soggetti estranei all’ente collettivo. Attraverso l’analisi dei vari orientamenti di dottrina e giurisprudenza, l’elaborato identifica nella previsione di un diritto alla liquidazione del valore della quota di s.r.l. il correttivo necessario ad evitare la violazione del divieto di patti successori (ex art. 458 c.c.), di guisa che la libertà testamentaria del de cuius non subisca ingiustificate limitazioni in merito alla libera facoltà di designazione degli eredi, seppur tale libertà resti confinata entro margini tesi a garantire e tutelare anche le esigenze produttive di stabilità dell’impresa sociale.

Sul trasferimento mortis causa delle quote di società a responsabilità limitata / Terrizzi, Elena. - In: VITA NOTARILE. - ISSN 1824-1484. - 2(2021), pp. 1097--.

Sul trasferimento mortis causa delle quote di società a responsabilità limitata

Elena Terrizzi
2021

Abstract

Muovendo dall’analisi del principio di libera trasmissibilità delle partecipazioni di società di capitali, il presente elaborato affronta il tema del trasferimento mortis causa delle quote di s.r.l., ponendo in evidenza quali siano le limitazioni eventualmente ammissibili in chiave di tutela della stabilità della compagine sociale. Difatti, lo studio si pone l’obiettivo di delineare un quadro giuridico preciso, entro il quale l’autonomia statutaria della s.r.l. possa prevedere limiti ai diritti successori degli aventi causa del de cuius, identificando, dunque, le condizioni alle quali il nostro ordinamento ritiene ammissibile l’eventuale tacitazione delle pretese ereditarie. In altri termini, si ritiene opportuno esaminare il cruciale bilanciamento tra le prerogative successorie degli eredi del socio defunto e le esigenze di continuità dell’esercizio dell’impresa collettiva, la quale ultima è suscettibile di subire un pregiudizio a seguito del subingresso in società di (uno o più) soggetti estranei all’ente collettivo. Attraverso l’analisi dei vari orientamenti di dottrina e giurisprudenza, l’elaborato identifica nella previsione di un diritto alla liquidazione del valore della quota di s.r.l. il correttivo necessario ad evitare la violazione del divieto di patti successori (ex art. 458 c.c.), di guisa che la libertà testamentaria del de cuius non subisca ingiustificate limitazioni in merito alla libera facoltà di designazione degli eredi, seppur tale libertà resti confinata entro margini tesi a garantire e tutelare anche le esigenze produttive di stabilità dell’impresa sociale.
Starting from the analysis of the principle governing the freedom to transfer limited companies’ business shares, the following paper deals with the specific regulation of the mortis causa (“because of death”) transferal with regard to limited liability companies’ shares, thus highlighting which limits might be potentially allowed in relation to the testator’s freedom, as to grant the stability of the business enterprise. Indeed, the study is aimed at developing a clear legal framework in which the statutory autonomy of limited liability companies is allowed to introduce edges to the principles of inheritance law, through the identification of which are the conditions enabling the potential acknowledgement of the inheritance claims. In other words, it is necessary to consider the crucial balance between the heirs’ prerogatives and the going concern needs of the business enterprise, which might be jeopardized by the entry of (one or more) new subjects into the company. Within the analysis of the various opinions shared by scholars and case-law, the following paper identifies an optimal solution in the provision of a share value’s liquidation right, in order to avoid the violation of the agreements as to future succession (patti successori), so that the testator’s freedom is not limited with regard to the possibility to appoint his/her heirs, although edges exist as to grant the productive needs and stability of the company.
Sul trasferimento mortis causa delle quote di società a responsabilità limitata / Terrizzi, Elena. - In: VITA NOTARILE. - ISSN 1824-1484. - 2(2021), pp. 1097--.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sul trasferimento mortis causa delle quote di srl - E. Terrizzi.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Articolo su rivista
Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: Tutti i diritti riservati
Dimensione 335.61 kB
Formato Adobe PDF
335.61 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11385/219379
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact