La rilevanza per il giudice nazionale della "giurisprudenza consolidata" della Corte europea dei diritti dell'uomo