Il “caso Davigo” è solo l’inizio di una riflessione sulla natura del CSM