Il presente lavoro si incentra sull’operatività delle agenzie di rating che, come è noto, emettono giudizi sulla solidità e credibilità del prodotto finanziario negoziato. In tale ambito, le valutazioni dei prodotti da parte dei raters assumono fondamentale rilievo, in quanto rappresentano un indice di affidamento e reputazione delle società emittenti i titoli. All’interno di tale indagine, si affronta la problematica circa l’identificazione del valore che il giudizio emesso dalle agenzie di rating assume sul comportamento degli operatori economici. In detto ambito, l’indagine evidenzia la possibilità di considerare quale fonte di responsabilità per il comportamento delle agenzie la teoria dell’estoppel rule, formulate dalla dottrina civilistica anglosassone, secondo cui il soggetto che ha fatto affidamento sul giudizio dei raters può invocare il danno subito nell’essere stato indotto ad acquistare un titolo senza la necessaria indicazione del possibile downgrade (con ciò influenzando negativamente l’aspettativa di guadagno dell’investitore). La ricerca sottolinea, quindi, come il giudizio di rating deve essere in grado di orientare l’investitore nelle operazioni di acquisto, contenendo il rischio di insolvenza del credito e mantenendo nel contempo accurate la previsione di rendimento.

Enhancing the Regulation of Credit Rating Agencies, in Search of a Method / Miglionico, Andrea. - 159:(2012), pp. 1-136.

Enhancing the Regulation of Credit Rating Agencies, in Search of a Method

Miglionico A
2012

Abstract

Il presente lavoro si incentra sull’operatività delle agenzie di rating che, come è noto, emettono giudizi sulla solidità e credibilità del prodotto finanziario negoziato. In tale ambito, le valutazioni dei prodotti da parte dei raters assumono fondamentale rilievo, in quanto rappresentano un indice di affidamento e reputazione delle società emittenti i titoli. All’interno di tale indagine, si affronta la problematica circa l’identificazione del valore che il giudizio emesso dalle agenzie di rating assume sul comportamento degli operatori economici. In detto ambito, l’indagine evidenzia la possibilità di considerare quale fonte di responsabilità per il comportamento delle agenzie la teoria dell’estoppel rule, formulate dalla dottrina civilistica anglosassone, secondo cui il soggetto che ha fatto affidamento sul giudizio dei raters può invocare il danno subito nell’essere stato indotto ad acquistare un titolo senza la necessaria indicazione del possibile downgrade (con ciò influenzando negativamente l’aspettativa di guadagno dell’investitore). La ricerca sottolinea, quindi, come il giudizio di rating deve essere in grado di orientare l’investitore nelle operazioni di acquisto, contenendo il rischio di insolvenza del credito e mantenendo nel contempo accurate la previsione di rendimento.
978-88-495-2465-9
Credit Rating Agencies; Corporate Regulation; Securities Regulation
Enhancing the Regulation of Credit Rating Agencies, in Search of a Method / Miglionico, Andrea. - 159:(2012), pp. 1-136.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
A. Miglionico, Enhancing the regulation of credit rating agencies, in search of a method (2012).pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Monografia
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Tutti i diritti riservati
Dimensione 518.37 kB
Formato Adobe PDF
518.37 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11385/208942
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact