Nuove emergenze, vecchi problemi: ecco perché la tenuta economica degli Stati debitori non è solo un fatto contabile